Nessuna eccellente: Seconda vince, 16 non riesce

Partita non eccellente, ma la Seconda conquista i 3 punti. Male l’Under 16

La Seconda Divisione vince 3 – 0 a Bregnano, nonostante un match non eccellente

Continuano i risultati positivi della Seconda Divisione che, nonostante la partita non eccellente, giovedì 8 novembre ha vinto 3 – 0 ospite del Bregnano. 

Una partita apparentemente difficile a causa di due mancanze importanti: Alessia Ferrari, punto di riferimento per questa stagione, e Martina Negri, entrambe posto 4. “Siamo partite con soli due posti 4, senza cambi – spiega Ombretta Cimetti – La partita in realtà si è rivelata più semplice di quanto pensavamo poiché l’avversario non si è mostrato così temibile”. Dunque, un match senza lode dove le olgiatine non hanno eccelso. “Non è stata una partita eccellente e, come al solito, non abbiamo iniziato in modo brillante, ma i parziali parlano da soli”, continua la coach. Ed effettivamente è così: 17-25, 16-25 e 12 – 25. 

Olgiatine che guidano la classifica con punteggio pieno: 4 partite, 4 vittorie, 12 punti. L’unica squadra che per il momento potrebbe raggiungerle è il Carimate, a quota 9 punti, ma con una partita giocata in meno.

Ad ogni modo è già tempo di guardare avanti: giovedì alle 21, nella palestra comunale di via Tarchini, le olgiatine ospiteranno la Comense. Una partita importante che, sulla carta, potrebbe mettere in difficoltà le nostre atlete.

Partita non eccellente: Pallavolo Olgiate 3 - 0 Bregnano
Pallavolo Olgiate 3 – 0 Bregnano

Under 16 in crisi: cade anche in casa del Turate

Ancora una volta le olgiatine dell’Under 16 sono state sconfitte. Mercoledì 7 novembre hanno subito un secco 3 – 0 per merito del Turate. 

“Sapevamo non sarebbe stata una partita semplice – ammette Alessia Napoli – Purtroppo i nostri errori ci hanno penalizzate parecchio. Solo nel primo set ne abbiamo fatti 22 tra battute sbagliate e attacchi a rete o fuori dal campo”. A differenza della partita precedente, ricezione e difesa sono andate meglio, purtroppo però le nostre olgiatine non sono riuscite a concludere positivamente le azioni. “È evidente che c’è un problema di testa – continua la coach – In allenamento si lavora bene, ma in partita l’ansia e la paura di sbagliare hanno la meglio. Dobbiamo lavorare tanto anche su questo per togliere ogni timore. È questione di tempo”. 

Forza olgiatine!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.